๐Ÿ…ก๐Ÿ…”๐Ÿ…’๐Ÿ…”๐Ÿ…๐Ÿ…ข๐Ÿ…˜๐Ÿ…ž๐Ÿ…๐Ÿ…” di Sara Malacalza
E si corre.
Si corre per fuggire agli sbirri, gettando sguardi a chi resta indietro, a chi รจ cosi veloce da scomparire in un attimo. Si scappa da tutto: da controlli, dalle cittร , da se stessi.
Siamo a Milano, Porta Romana, Cairoli, Missori, Parco Sempione, Stazione Centrale.
Sdraiati, sfiniti. Si ride, si piange senza ragione, ci si abbraccia per poi perdersi con occhi sbarrati, lucidi, la pelle sudata e ยซโ€‹ viaggiโ€‹ ยป terrificanti a portata di mano.
Erano tanti, si sentivano forti, ribelli, imprendibili, senza indirizzo nomi e documenti. Un passo dopo lโ€™altro, in un abisso infernale. Allโ€™inizio era tutto esaltante, alla ricerca costante di gruppi di appartenenza, sorrisi, abbracci, bevute, musica condivisa.
I soldi? ci si ingegnava: una colletta, rivendite fino alle banconote false.
La droga? Una boccetta di popper, sigarette, strisce di cocaina e consigli lanciati con sguardi truci per tenersi lontani dalla ยซโ€‹ spadaโ€‹ ยป. Avvertimenti pieni di rabbia, labili e rivolti con braccia nascoste.
Una strada fatta di concerti, notti trascorse a bighellonare o sdraiati nellโ€™erba.
Una strada che non lascia scampo e che divora piano piano prendentoti i piedi, le cosce sino a stritolarti il cuore.
Eโ€™ estate, ยซโ€‹ la spadaโ€‹ ยป รจ l’ossessione: la si cerca con affanno.
Ogni anfratto รจ adatto per cercare una vena.
Ogni secondo: lโ€™ultimo alito di vita.
E cosi si inizia a morire, uno dopo lโ€™altro, come mosche nel miele, mani tremanti si lasciano per non ritrovarsi, la disperazione per gli amici persi e le tribรน sfaldate.
Ma prima o poi quella mano ti afferraโ€‹ i sensi e ti rendi conto troppo tardi di amare la vita, quando le allucinazioni ti avvolgono, la follia divora il cervello e inizi a picchiare la testa contro il muro, inveendo su te stesso.
Ma il viaggio piรน doloroso dovrร  ancora arrivareโ€‹: nei manicomi, nelle mani di psichiatri. La disintossicazione.
Un libro estremamente forte che non lascia scampo con le sue dettagliate descrizioni.
Una realtร  da leggere assolutamente, senza nascondersi, senza paura. Per capire, per vedere ciรฒ che cโ€™รจ in quel mondo, gli incubi che genera e l’infinita solitudine che lo accompagna.

01.31.2019 – ELLE

Leggi l’intero articolo qui

 

01.27.2019 – LaLetturaย 

 

 

Corriere della Sera 7 gennaio 2019

Le confessioni romanzate di Francesca Tassini, adolescente allo sbando nella Milano degli anni โ€˜90

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *